La lingua è la stessa, ma nel tempo si sono create piccole differenze che, anche se facili da apprendere, possono creare qualche misunderstanding.

Inglesi e americani si capiscono, ok, ma non è assolutamente vero che le conversazioni siano del tutto esenti da fraintendimenti. La lingua, ovviamente, è la medesima ma c’è un numero di parole che, con il passar del tempo, hanno assunto nelle varie situazioni geografiche significati diversi.

Tutti sanno, per esempio, che quando si vuole chiedere il conto, si deve chiedere “ the bill”, per esempio. Ma funziona solo in Inghilterra. Negli Usa invece si dice “check”. Ma appunto, ci si capisce lo stesso. Al contrario, cioè in direzione Usa > Uk, sono tantissime le parole di American English che anche gli inglesi conoscono benissimo.

Per cui ci possono essere piccole confusioni. Ad esempio quando si scopre che bum, che in inglese indica il fondoschiena, negli Usa serve solo per dire “barbone”.

Simpatici misunderstanings possono capitare mentre si mangia, ad esempio quando si intende mangiare delle chips, che in Inghilterra sono le patatine fritte classiche, mentre negli Usa sono quelle nel sacchetto, che gli inglesi chiamerebbero crisps (anche perché sono più croccanti).

Nei vestiti, chi confonde i pants inglesi (le mutande) con i pants americani (i pantaloni) rischia di avere qualche problema.

Mandare il figlio alla Public School in America (scuola pubblica finanziata con fondi statali) non è come iscriverlo alla Public School in Inghilterra (scuola privata pagata dalle famiglie degli alunni). Per esserlo, dovrà iscriverlo alla State School.

Sono tante, quindi, le fonti di confusione per i native speakers. Più che per loro, però,  che sono abituati alle stranezze della loro lingua, per i non-inglesi. Per questo vogliamo condividere con voi un breve elenco tratto da Quora.

Bender (n)

  • US: a bout of drinking or other debauchery
  • UK: can also mean homosexual (derogatory)

Bill (n)

  • US: dollar bill
  • UK: the “check” in a restaurant or the invoice for goods or services (understood in the US) – the money term in the UK is “note”

Biscuit (n)

  • US: a savory scone
  • UK: cookie (“cookie” is used as a specific term for a type of biscuit)

Blow (n, drug terminology)

  • US: cocaine
  • UK: marijuana

Bog (n)

  • US: a marsh or swamp
  • UK: can also be a vulgar euphemism for “toilet”

Braces (n)

  • US: dental braces
  • UK: also suspenders used to hold up men’s pants

Bum

  • US: (n) hobo
  • UK: (n) backside, (v) to borrow or scrounge

Chat up (v)

  • US: strike up a conversation
  • UK: attempt to seduce someone, equivalent to US “hit on”

Chips (n)

  • US: potato or corn chips (UK “crisps”)
  • UK: French fries

Coach (n)

  • US: the trainer / strategist of a sports team
  • UK: can be used in a similar sporting sense but is usually a more junior role than the “manager” which is equivalent to the head coach in a US sports team, can also mean a bus (usually a private one as opposed to municipal transport)

Cot (n)

  • US: simple bed with a metal frame, and cloth in place of a mattress
  • UK: baby’s crib

Dummy (n)

  • US: a mannequin
  • UK: can also mean a baby’s pacifier

Entrée (n)

  • US: the main course of a meal
  • UK: an appetizer (rarely used, “starter” is more common)

Fag (n)

  • US: homosexual (derogatory)
  • UK: cigarette (informal but not at all rude)

Fall (n, v)

  • US: in addition to the obvious verb meaning it is also used for the season following summer (presumably because that’s when leaves fall)
  • UK: verb meaning only, the seasons are spring, summer, autumn and winter

Continuare a leggere qui